giovedì 15 luglio 2010

MATTIA CIGALINI – LUIGI TESSAROLLO

Quartet “Italian Melodies in Jazz”

  • MATTIA CIGALINI,  sax
  • LUIGI TESSAROLLO, chitarra
  • LUCA GARLASCHELLO, contrabbasso
  • ALESSANDRO MINETTO, batteria

San’Elpidio a Mare – FM

ore 21.30 – Piazza Matteotti

in caso di maltempo Teatro L.Cicconi, c.so Baccio

ingresso libero


MATTIA CIGALINI

Classe 1989, inizia ad esibirsi sul palco all’età di 12 anni, insegna musica dall’età di 15.
Si è diplomato in saxofono classico presso il Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza, con il massimo dei voti.
E’ vincitore assoluto del “Premio Nazionale Luciano Zorzella” in qualità di “Miglior nuovo talento” dell’anno 2008, premio consistente in una borsa di studio in denaro. Nel giugno 2009 riceve un premio speciale offertogli dalla MontBlanc in quanto “Miglior Talento”.
Vincitore anche nell’ambito del Premio Internazionale Massimo Urbani (2008, 12a edizione), sponsorizzato dall’etichetta jazz “Philology”, dei concorsi nazionali “Nuovi Talenti Jazz – Gruppi Città di Treviglio” e “Concorso Nazionale Chicco Bettinardi” (2008- Sez. Solisti).
Realizza interviste in TV, è più volte presente su varie riviste specializzate quali Jazzit, Swing Journal (Japan), Jazz Hot (France), Music Guardian, Musica Jazz; ma anche settimanali come Panorama e giornali nazionali come il Corriere della Sera hanno parlato della sua musica.
Il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo (11-04-2010) intitolato“Nel sax di Cigalini (19 anni) una personalità da veterano” a firma del noto giornalista Claudio Sessa.
La rivista bimestrale JAZZIT nel n° 58 gli dedica uno spazio in copertina, e una lunga intervista all’interno, a cura del direttore Luciano Vanni.
La stessa JAZZIT ha recensito l’album “Arriving Soon”, pergiandolo con il noto “bollino” – “JAZZIT Likes It!”.
La francese JAZZ HOT, una delle riviste jazz più famose e importanti d’Europa, gli dedica un’articolo parlando della sua musica e del suo talento (articolo a cura di Felix Sportis, direttore).
La famosa rivista giapponese Swing Journal dedica diverse pagine a Mattia, e recensisce l’album con votazione di 98/100 inserendolo al 12° posto nella classifica mondiale dei Dischi Jazz dell’anno (2009, è primo fra gli artisti italiani, collocandosi fra Pat MethenyChick Corea).
Anche il sito web Jazzitalia, noto per essere il sito più cliccato in Italia riguardo la musica jazz, ha pubblicato una sua intervista a cura di Marco Buttafuoco.
Il noto blog giapponese Tokyo Jazz Notes ha eletto il brano “Arriving Soon” (tratto dall’omonimo album) - Brano jazz dell’anno, al 1° posto su una classifica internazionale (2009).
Il grande deejay Gilles Peterson ha trasmesso la sua musica in diretta sulla BBC inglese, la radio nazionale, parlando di lui.
L’emittente radiofonica RAI – Radio 3, ha trasmesso il suo ultimo album, scegliendo sue composizioni, durante la trasmissione “Battiti”.
Vi sono diversi programmi radiofonici, come “La Cantina Sonora”, “Musicando” ecc. che gli dedicano l’intera puntata e una lunga intervista.
Altre radio provenienti da America, Australia, Korea, Giappone, hanno trasmesso la sua musica parlando di lui.
In ottobre del 2009 compie la prima tournèe in Giappone, riscuotendo un grande successo di pubblico e critica.
L’ultimo album “Arriving Soon” – per Dejavu Records, con Tullio De Piscopo, Fabrizio Bosso, Andrea Pozza e Riccardo Fioravanti – ottiene, oltre a vari riconoscimenti, ottimi piazzamenti ai vertici delle classifiche disografiche in relazione al numero di copie vendute, scalando in Korea le classifiche di ascolti su siti web.

LUIGI TESSAROLLO

Ha collaborato in progetti stabili e discografici,(circa una ventina i dischi all’attivo) con la maggior parte dei più noti musicisti jazz di tutta la penisola (citiamone alcuni,Bollani,CerriRavaGiammarco, Fresu, Boltro) e con numerosi artisti stranieri di fama internazionale: Lee Konitz, Slide Hampton, George Garzone, con cui ha collaborato per circa dieci anni, Adam Nussbaum, Manhù Roche, Dean Johnson, Ron Vincen,t Barry Harrys, Larry Schnider, Bob Gullotti, Hal Stein, Bob Porcelli, Douglas Yates, Matt Wilson, Rachel Gould, (con la quale si esibisce regolarmente.da qualche anno e che vedrà a breve l’uscita dell’ultimo lavoro discografico in quartetto: “tribute to Hoagy Carmichael”)….Un ulteriore uscita discografica è prevista per la fine del 2008 con il progetto in duo con il violinista Luca Ciarla.

Da menzionare l’invito a rappresentare, con composizioni proprie, il jazz italiano al Grenoble Jazz Festival, la sua presenza come chitarrista nell’Orchestra Nazionale dei Musicisti Jazz Italiani, e la attuale direzione artistica del Rivarolo Jazz Guitar Festival e del I° Concorso Internazionale Giovani Talenti di Chitarra Jazz

Copiosa è la sua attività di compositore: più di 120 brani tutelati dalla S.I.A.E. di cui una sessantina editi e pubblicati su CD. Molti dei suoi dischi, incisi in gran parte come leader, sono distribuiti in Europa, in U.S.A. e in Giappone.

La casa editrice musicale Carish ha recentemente pubblicato alcune composizioni diTessarollo, per il libro “Italian Jazz Real Book“, raccolta di circa 200 brani di compositori jazz più significativi in Italia.composizioni scelte tra soli otto chitarristi Jazz in tutta Italia e soli altri tre musicisti Jazz in tutto il Piemonte.

Numerose le sue esperienze formative: dal diploma di Conservatorio in Chitarra Classica e in Musica Jazz, agli incontri con grandi maestri del jazz quali Jim HallJohn ScofieldDave Holland…agli studi musicali in India e in Turchia.Numerose anche le sue esperienze professionali (chitarrista della RAI-TV nei primi anni ottanta,ospite in trasmissioni televisive su canali nazionali, collaborazioni con A.Martelli, concerti con Gloria Gaynor)

Intensa è l’attività didattica di Tessarollo:dal 1998 collabora al Festival Umbria Jazz con la più grande scuola di musica jazz al mondo, la Berklee School di Boston. Dal 2006 ad oggi, viene invitato a Malta dallo Europe Institute a condurre Master Classes sul Jazz e tenere concerti.E’ direttore dei corsi di musica d’insieme del Due laghi jazz workshop per l’haute Ecole de Jazz de Suisse Romande di Losanna

E‘ inoltre docente di Storia del Jazz al Conservatorio di Genova

Commenta su Facebook

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.